Il magazine per il mondo HR

di:  

emirati arabi

Settimana lavorativa corta: dagli Emirati Arabi all’Europa

Dal 1° gennaio 2022 gli Emirati Arabi Uniti applicheranno la settimana lavorativa corta: un modello sperimentato anche in Islanda e da alcune grandi multinazionali

Il 1° gennaio 2022 negli Emirati Arabi Uniti entra in vigore una nuova settimana lavorativa da quattro giorni e mezzo per i dipendenti governativi. La domenica, invece, considerato giorno lavorativo nel Paese, diventerà giorno festivo. Una decisione, quella del governo, volta ad allineare il Paese con i mercati globali, aumentare la competitività economica e l’equilibrio tra vita privata e lavorativa. Gli Emirati Arabi Uniti sono il primo Paese al mondo ad adottare questo tipo di soluzione, oltre ad essere il primo Paese del mondo arabo ad includere sabato e domenica nei giorni festivi.

I giorni lavorativi andranno quindi dal lunedì al giovedì. Il venerdì, giorno di preghiera, i dipendenti lavoreranno fino alle 12 e potranno scegliere in che modo organizzare la propria giornata (smart working o in ufficio). A monte di questa decisione, che spinge verso una maggiore flessibilità nella gestione delle risorse umane, il governo degli Emirati Arabi ha effettuato diversi studi di fattibilità che hanno riscosso esito positivo, sia in termini di impatto economico, che di benessere sulla vita delle persone. Per quanto riguarda il settore privato, invece, al momento il governo non ha fornito alcun dettaglio circa un’inversione di tendenza rispetto all’organizzazione attuale.

Oltre agli Emirati Arabi Uniti, la settimana corta è già stata sperimentata in altri Paesi del mondo e presso grandi aziende come Microsoft, Buffer, Desigual e Unilever. In Islanda, in periodi tra il 2015 e il 2019, l’esperimento ha riscosso un “enorme successo”. Circa 2.500 lavoratori sono passati da una media di 40 ore di lavoro a settimana a 35 ore, senza nessuna variazione nella busta paga. Dal test non sono emersi effetti negativi sulla produttività, che in alcuni casi è addirittura aumentata. Altri paesi che nel 2022 effettueranno dei test in questo senso sono l’Irlanda e la Spagna, dove si prevede una settimana lavorativa di 32 ore.  Anche in Belgio si sta pensando ad una settimana lavorativa corta, senza tuttavia ridurre il numero delle ore di lavoro. Per riuscire ad avere tre giorni liberi a settimana, le persone dovrebbero lavorare una media di nove ore e mezza nei restanti quattro.

CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Iscriviti alla newsletter

Informativa privacy per newsletter Ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento (EU) 2016/679, ti informiamo che i tuoi dati personali, da te liberamente conferiti, saranno trattati da 4Business Editore srl, prevalentemente con mezzi informatici... leggi tutto