Il magazine per il mondo HR

di:  

coaching aziendale

Il coaching aziendale migliora le performance e la produttività

Crescono le imprese che scelgono il coaching aziendale: secondo AMA aumenta le performance individuali e la produttività in azienda.

Il coaching aziendale è la nuova frontiera della formazione in azienda. Sempre più imprese si affidano a professionisti altamente qualificati per sviluppare le potenzialità dei loro dipendenti, con l’obiettivo di migliorare la produttività e incrementare il business. A differenza di altri percorsi formativi, il coaching aziendale è indirizzato in primo luogo all’individuo. L’azienda incarica il coach per sviluppare e migliorare le performance di un dipendente, che sia un manager o un impiegato tecnico. I miglioramenti si riflettono sull’intera organizzazione nel momento in cui un certo numero di dipendenti ha intrapreso il percorso di coaching.

L’attività di coaching aziendale ha diversi vantaggi. Un sondaggio condotto da AMA (American Management Association) su più di mille dirigenti e manager a livello globale ha evidenziato i principali aspetti positivi del coaching e il suo livello di popolarità tra le aziende. Dai dati emersi, lo scopo più diffuso per l’utilizzo di un coach in azienda è migliorare le performance individuali e la produttività. In tal senso, le aziende che hanno utilizzato il coaching hanno notato un miglioramento a livello organizzativo e strategico. Conseguentemente i costi di lavoro si sono ridotti e sono aumentati i profitti, grazie appunto all’efficientamento dei processi produttivi.

Il 56% degli intervistati ha risposto di usare il coaching per migliorare le performance aziendali. Il 41% si è concentrato sull’obiettivo di coinvolgere i dipendenti negli obiettivi aziendali, costituendo un clima lavorativo positivo e stimolante. Il 38% del campione si è rivolto a un coach per migliorare la retention rate dei dipendenti (ovvero la tendenza dei propri lavoratori a restare o ad abbandonare l’azienda). Infine, circa il 25% degli intervistati ha riferito di utilizzarlo per ottimizzare il processo di recruiting.

CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp