Il magazine per il mondo HR

di:  

tendenze 2021

Risorse umane, quali sono le tendenze per il 2021?

Cornerstone OnDemand ha individuato 6 tendenze per il 2021 per settore delle risorse umane: su tutte, innovazione e formazione

Cosa ci aspetta nel 2021 per il settore delle risorse umane? È una domanda a cui Cornerstone OnDemand ha cercato di rispondere individuando 6 tendenze alla luce della pandemia globale e con la consapevolezza che questa non terminerà nei primi mesi di quest’anno. La strada infatti è ancora lunga e molte imprese dovranno confrontarsi nei prossimi mesi con eventuali restrizioni e altre limitazioni. Tuttavia, le aziende hanno già iniziato a guardare al futuro e molte di esse hanno incamerato alcune delle lezioni impartitegli da coronavirus. Nello specifico, lo scorso anno le imprese hanno dovuto adattarsi a nuove modalità di lavoro, come ad esempio lo smart working, e hanno definitivamente compreso l’importanza delle risorse umane al fine del successo aziendale.

In questo senso, l’impegno e l’attenzione nei confronti dei dipendenti è in cima alla lista delle priorità di qualsiasi ufficio HR. Per attenzione, s’intende venire incontro alle nuove esigenze dei lavoratori e al loro benessere fisico e mentale. In secondo luogo, coinvolgerli in attività che aumentino il loro attaccamento nei confronti dell’azienda. Inoltre, il comparto HR dovrà prestare ascolto ai dipendenti ed assicurarsi di comunicare con loro in modo chiaro e trasparente, su tutti i livelli. Un’altra delle tendenze del 2021 è sicuramente la propensione alla digitalizzazione da parte delle aziende. Tuttavia, in poche si trovano nelle condizioni di investire a cuor leggero. La strada verso l’innovazione richiederà perciò un approccio pragmatico e monitorato passo dopo passo.

Un altro aspetto di fondamentale importanza, menzionato da Cornerstone nelle sue tendenze per il 2021, riguarda la formazione di manager e dipendenti al fine di aumentare le loro competenze. Uno studio rivela che il 30% delle persone teme che in futuro il proprio lavoro diventi superfluo. Più del 75% invece ha paura di cambiamenti futuri riguardanti il proprio ruolo. Ecco quindi, che in vista della necessità di acquisire nuove competenze, la formazione e la valorizzazione dei talenti interni all’azienda appare una priorità. In questo senso, anche la proposta formativa sta cambiando per adattarsi alle nuove esigenze delle persone. Lo stile di vita e le abitudini degli utenti stanno orientando la proposta formativa verso nuovi format che mischiano formazione ed intrattenimento. Un esempio sono gli edutain, brevi video utili all’utente per memorizzare le informazioni.

CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp