di:  

oracle stress lavoro

Risorse umane: italiani più stressati dal lavoro

Uno studio di Oracle e Workplace Intelligence ha evidenziato un aumento dell’ansia e dello stress sui lavoratori di tutto il mondo

I lavoratori italiani sono più stressati di prima. È quanto emerso da una recente ricerca di Oracle e Workplace Intelligence condotta su più di 12 mila persone di 11 paesi del mondo, Italia compresa. Gli intervistati hanno dichiarato di essere più stressati di prima sul posto di lavoro a causa della pandemia da covid19. Inoltre, in molti hanno dichiarato che preferirebbero relazionarsi con i robot piuttosto che con le persone.

Nello specifico, il 70% del campione ha avvertito stress e ansia sul lavoro nel 2020 più di qualsiasi altro anno. Questa situazione ha avuto un impatto negativo sul benessere psicologico delle persone. Il 38% degli intervistati ha dichiarato di sentirsi stressato, il 35% lamenta una mancanza di equilibrio tra lavoro e vita privata, il 14% soffre di solitudine e il 25% è depresso. Per quanto riguarda i lavoratori italiani, il 62% ha dichiarato che questo è stato l’anno più stressante di sempre e il 65% ha dichiarato che questa situazione ha avuto un impatto negativo sul proprio benessere psicologico.

La mancanza di equilibrio mentale si riflette sulla vita privata. Per l’85% degli intervistati stress, ansia e depressione hanno influenzato la loro vita privata. La percentuale dei lavoratori italiani si attesta invece al 78%. Anche il numero delle ore di lavoro è aumentato con la pandemia. Il 35% del campione ha dichiarato di aver lavorato oltre 40 ore in più ogni mese. Viceversa, lo smart working è stato apprezzato da buona parte degli intevistati (62% per i lavoratori di tutto il mondo e 58% per quelli italiani).

In una situazione di malessere diffuso, le persone guardano all’Intelligenza Artificiale per risolvere i propri problemi. Il 68% dei lavoratori a livello globale, e il 57% degli italiani, preferirebbe parlare con un robot piuttosto che con i propri colleghi o superiori.  L’80% (il 71% degli italiani) è addirittura favorevole all’idea di utilizzare un robot come consulente o terapeuta. Infine, il 76% del campione globale (66% dei lavoratori italiani) vorrebbero che le rispettive aziende offrissero più supporto alla salute mentale della forza lavoro.

CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp