Il magazine per il mondo HR

di:  

formazione

Lavoro: la formazione è una priorità per 8 lavoratori su 10

Secondo una ricerca di Randstad, un lavoratore su tre vede nella formazione e nell’aggiornamento delle competenze una priorità in azienda

Per i lavoratori italiani la formazione è la cosa più importante in un’azienda. È quanto emerso dall’indagine semestrale di Randstad, intitolata Randstand Workmonitor, che analizza la considerazione che i lavoratori hanno nella formazione, anche alla luce della pandemia. La ricerca ha coinvolto 34 paesi del mondo e più di 800 dipendenti per ogni nazione, di età compresa fra 18 e 67 anni. Un lavoratore italiano su tre (36%) ritiene che la formazione sia l’elemento più importante “per giudicare gli sforzi di un datore di lavoro nel creare un ambiente inclusivo”. La formazione è quindi al primo posto, tuttavia anche i lavoratori dichiarano di aggiornare regolarmente le proprie competenze.

Questo vale infatti per l’86% degli italiani, meglio dei tedeschi e degli inglesi (73%) e dei francesi (70%). L’86% ha dichiarato inoltre di possedere le competenze necessarie per trovare impiego in un’altra azienda o in un altro settore nonostante la pandemia. Soltanto il 38% dei lavoratori giudica “difficile” acquisire nuove competenze per adattarsi al lavoro durante l’emergenza covid19.

Formarsi è necessario, tuttavia l’onere, secondo i dipendenti, spetta al datore di lavoro. La metà del campione intervistato infatti dichiara che la responsabilità dell’aggiornamento delle competenze dei lavoratori “è indiscutibilmente del datore di lavoro”. Per il 33% invece la responsabilità va condivisa tra dipendente e imprenditore, che coincide con la visione più diffusa nella media globale (51%). Soltanto per il 16% la responsabilità è dei lavoratori. Inoltre, quasi metà dei dipendeti (47%) attribuisce al datore di lavoro anche la responsabilità di riqualificare i lavoratori nel caso restassero disoccupati a causa della pandemia, per favorirne la ri-occupabilità. Il 24% degli intervistati attribuisce questa responsabilità al governo, il 21% agli stessi dipendenti e l’8% ai sindacati.

“Dal campione delle persone coinvolte nella ricerca è stata riconosciuta la centralità della formazione come strumento di crescita personale e di risposta alla crisi” ha affermato Fabio Costantini, COO di Randstad HR Solutions. “È un segnale di fiducia per il futuro. Tuttavia, questa è una responsabilità per tutti, datori di lavoro e lavoratori”.

CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Iscriviti alla newsletter

Informativa privacy per newsletter Ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento (EU) 2016/679, ti informiamo che i tuoi dati personali, da te liberamente conferiti, saranno trattati da STOP SECRET SRL, prevalentemente con mezzi informatici... leggi tutto