Il magazine per il mondo HR

di:  

donne manager

Ey e SWG: donne penalizzate rispetto agli uomini nei ruoli manageriali

Uno studio di Ey e SWG ha evidenziato il divario di genere in ambito professionale, in particolare per quanto riguarda i ruoli di alto livello

Il gender gap a lavoro rimane ancora piuttosto elevato, con bel oltre la metà dei dirigenti aziendali che sono di sesso maschile. È quanto emerso da una recente analisi di Ey e SWG, dal titolo “Parità di genere & leadership al femminile”. Lo studio è stato condotto su un campione formato da 514 donne lavoratrici, di età compresa tra i 30 e i 50 anni, 104 donne manager, dirigenti e imprenditrici e 103 uomini aventi gli stessi ruoli. Il 36% delle donne intervistate afferma di non sentirsi abbastanza valorizzata a livello professionale, mentre il 44% ritiene inadeguata la propria paga. Nella maggior parte delle imprese, i ruoli dirigenziali sono occupati da uomini e, laddove ci sono le donne, queste si ritrovano a gestire un numero inferiore di risorse rispetto ai colleghi maschi.

La predominanza maschile nei ruoli chiave dell’azienda è avvertita come un ostacolo alla crescita dal 48% delle lavoratrici. Un altro fattore discriminante riguarda la volontà o meno di avere figli. Oltre il 50% delle donne che lavorano ha dichiarato di aver ricevuto questa domanda durante i colloqui di lavoro. Altri aspetti che potrebbero ridurre il divario di genere, ma che purtroppo sono ancora carenti o addirittura mancanti, riguardano le strutture che si occupino dell’inclusione femminile in azienda e quelle per conciliare lavoro e famiglia. In questo senso, gli sforzi da parte delle imprese sono insufficienti e per le intervistate il gender gap in ambito professionale sarà difficile da colmare. Per il 37% delle lavoratrici ci vorranno più di vent’anni. Per il 17% è impossibile.

Infine, un altro tasto dolente riguarda la formazione, promossa per il 38% delle donne manager, contro il 57% degli uomini aventi lo stesso ruolo. Dal sondaggio emerge, inoltre, che uomini e donne percepiscono il problema in modo differente. Secondo il 76% dei dirigenti maschi, donne e uomini sono trattati allo stesso modo, mentre le donne a pensarla così sono solo il 50%. Tuttavia, tre quarti dei dirigenti intervistati pensano che un’azienda con una leadership equilibrata, dal punto di vista del genere, sarebbe in grado di raggiungere risultati migliori.

CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Iscriviti alla newsletter

Informativa privacy per newsletter Ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento (EU) 2016/679, ti informiamo che i tuoi dati personali, da te liberamente conferiti, saranno trattati da 4Business Editore srl, prevalentemente con mezzi informatici... leggi tutto