Il magazine per il mondo HR

di:  

imprese cloud

Lavoro e digitalizzazione, le imprese si spostano sul cloud

Complice la pandemia e lo smart working, le imprese italiane si stanno spostando sul cloud per condividere dati e documenti: un trend destinato a salire

Nonostante le imprese italiane siano in ritardo rispetto alla media globale circa l’adozione di soluzioni digitali per il business, molte di esse stanno guardando con favore al cloud per la conservazione e condivisione di dati e documenti aziendali. Lo sforzo da parte delle PMI di digitalizzare il proprio business si è rafforzato ulteriormente con la pandemia e nello specifico con lo smart working. Un problema che ha coinvolto soprattutto il comparto HR, che ha trovato nel cloud la risposta migliore alle nuove esigenze di organizzazione del lavoro e delle risorse umane.

I dati provenienti dagli Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano dimostrano infatti questa spinta da parte delle PMI verso il digitale. Il 90% dei dirigenti aziendali considera l’innovazione digitale una necessità per lo sviluppo del business. Un terzo circa delle PMI utilizza il cloud computing per lo storage delle informazioni aziendali, ovvero una tecnologia giudicata abilitante per la trasformazione digitale. Oltre la metà (58%) delle imprese, nel 2020 ha aumentato l’utilizzo di strumenti digitali per il lavoro da remoto e la collaborazione a distanza. Netskope, società americana che si occupa di software per la sicurezza informatica, ha evidenziato nel suo studio “Cloud And Threat Report – February 2021 Edition” che il 53% del traffico totale sul web è correlato al cloud.

I vantaggi legati al cloud sono essenzialmente due. Da un lato, la possibilità di accedere ovunque e in qualsiasi momento a informazioni e documenti aziendali. Un vantaggio considerevole per un’azienda in termini di flessibilità e di crescita. Dall’altra parte, l’utilizzo del cloud consente alle imprese di risparmiare risorse hardware per l’archiviazione dei documenti, dall’acquisto di nuovi dispositivi di memoria alla manutenzione ordinaria. Infine, la sicurezza: nonostante l’aumento esponenziale del crimine informatico durante il 2020, le soluzioni cloud rappresentano ancora un servizio sicuro e difficilmente violabile.

CONDIVI QUESTO ARTICOLO!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp